Itinerario_di_viaggio_in_Colombia_purejoybychloe

Colombia itinerario di viaggio: 7 tappe per 7 esperienze

0 Shares
0
0
0

La Colombia di oggi è una destinazione in cui il turismo è in continua crescita, grazie alle incredibili bellezze naturali e alla ricchezza del patrimonio storico-culturale. Si sta via via scrollando di dosso la pessima fama che l’ha segnata negli ultimi settant’anni ed è pronta ad offrire al mondo un’esperienza unica ai viaggiatori. In questo articolo, vi condurrò attraverso un itinerario di viaggio indimenticabile in Colombia, alla scoperta della sua architettura coloniale, di città moderne, foreste pluviali, vette altissime e spiagge paradisiache.

La Colombia è un paese estremamente vasto, benché dalla mappa non sembri, se rapportato all’intero Sud America. Il 45% del suo territorio è praticamente inabitato e occupato dalla foresta amazzonica. Tuttavia, a meno di non avere parecchio tempo a disposizione, includere tutte le aree visitabili e meritevoli è praticamente impossibile. La definizione di un itinerario apre la porta a molteplici opzioni, in base al tempo a disposizione e agli interessi. Qui vi lascio semplicemente le tappe in cui siamo stati noi e quelle che eventualmente avrei voluto includere per un tour più completo.

COLOMBIA: ITINERARIO DI VIAGGIO

1. Bogotà

Come arrivare a Bogotá

Il modo più semplice per raggiungere Bogotà è in aereo e molte compagnie aeree internazionali offrono voli diretti dall’Europa, in particolare da Madrid, Barcellona, Parigi e Amsterdam. Il volo ha una durata media di circa 10 ore. Per risparmiare un po’ potrete valutare un volo con scalo, in altre città colombiane come Medellin o Cartagena e raggiungere Bogotà con un volo interno che dura circa un’ora.

Se siete già in Colombia potete valutare di prendere un autobus da molte città del paese. Ci sono diverse compagnie che offrono servizi confortevoli e sicuri, come Bolivariano o Copetran.

Cosa vedere, fare e mangiare a Bogotá

Bogotà è una metropoli di sette milioni di abitanti ma mi ha piacevolmente colpito per i suoi quartieri, molto diversi e ricchi di storia.

Visitare La Candelaria

La prima tappa che vi consiglio è sicuramente il centro storico de La Candelaria, con le sue case coloniali, la street art e musei. Potete partecipare ad uno dei tanti walking tour sempre utili per conoscere avvicinarci alla storia della città. Vi consiglio quelli di Beyond Colombia.

Il Museo di Botero è gratuito e situato in una casa coloniale adibita fino al 1955 come Arcivescovado della città, e che è stata poi restaurata e adattata a museo dalla Banca della Repubblica, sotto i precetti e la supervisione dello stesso maestro Botero.

Museo di Botero Bogotà Colombia

Un altro museo imperdibile è il Museo dell’Oro. Sì, lo troverete scritto ovunque ma a sottolineare la sua bellezza c’è il fatto che non avevo intenzione di andarci e invece l’ho trovato davvero magnifico e interessante anche per chi come me non è appassionata del genere. Tra le sale si fa un viaggio attraverso le civiltà precolombiane, il tutto spiegato in maniera esaustiva e coinvolgente.

La Candelaria Bogotà Colombia
La Candelaria
Visitare il Barrio Egypto

Unitevi a Breaking Borders per la visita al Barrio Egypto realizzata da ex-delinquenti e componenti di una delle gang che ancora oggi controllano il barrio. Si tratta di un’esperienza molto toccante perché attraverso questo progetto turistico si cerca di cambiare le sorti del barrio per un futuro senza violenza.

La visita è molto toccante e si passa attraverso alcune zone del barrio non visitabili autonomamente. Mi raccomando non avventuratevi da soli perché il barrio è tutt’ora dominato dalle gang e gli stessi membri che appartengono all’una, non possono transitare nei territori delle altre. Si ripercorre la storia dei graffiti, del significato per gli abitanti del posto e degli eventi che simboleggiano fino a raggiungere il cuore del quartiere in cui le casette diventano via via più modeste fino a trasformarsi in vere e proprie baracche realizzate con materiali di fortuna. Sentire le storie di violenza, le morti, i crimini commessi e subiti da intere famiglie da davvero riflettere.

Barrio Egypto Bogotà Colombia
Barrio Egypto
Passeggiare per El Chapinero

El Chapinero è uno dei quartieri più vivaci e culturalmente diversi di Bogotà. Un tour di questo quartiere offre un’esperienza unica per esplorare la scena artistica e culinaria della città. Non perdete una visita al Mercado de las Pulgas, dove si possono trovare tesori vintage e locali, e al Teatro Libre, famoso per le sue produzioni teatrali. Questa è anche un’ottima zona per per provare la gastronomia locale in uno dei molti ristoranti che offrono piatti tradizionali colombiani. Tra i più popolari troviamo “La Brasa Roja”, che serve deliziose carni alla griglia, “El Fogón de la Abuela”, che offre piatti tradizionali colombiani come il sancocho e l’ajiaco, e “La Hamburguesería”, dove potrete gustare deliziose hamburger gourmet con ingredienti locali. Per i vegetariani e vegani consiglio “El Ciervo y El Oso” oppure “Quinua y Amaranto”, che servono deliziosi piatti salutari.

Fare un tour del Barrio El Paraiso

L’altro lato della Colombia è qui, in questo tour realizzato da un Juan, un ragazzo appassionato del suo territorio che con passione e professionalità ha creato la sua agenzia turistica alla scoperta delle zone meno battute del paese.

Alla favela El Paraiso non troverete l’architettura coloniale, i musei o le strade di lusso, ma attraverserete i quartieri meridionali di Bogotà utilizzando uno dei sistemi di trasporto più innovativi al mondo, Tansmilenio e Transmi Cable (funivia). Il quartiere si sta riscattando negli ultimi anni attraverso l’istruzione, la ristrutturazione urbana, lo sport e le attrezzature artistiche.

Parte del denaro pagato per questa visita viene donato alla comunità del quartiere per i progetti di riqualificazione.

Ddormire a Bogotà

Abbiamo scelto di soggiornare a El Chapinero perché è un quartiere piuttosto sicuro della città oltre ha avere una buona scelta di ristoranti e bar.

Situato all’interno di un vecchio edificio vittoriano, l’HAB Hotel Bogotá dispone di un ristorante, che abbiamo frequentato sia per cena sia per colazione (servita alla carta, deliziosa!) un centro fitness, un bar e un giardino. La reception è aperta 24 ore su 24 e lo stile di design e accogliente.

Colombia_Bogotà_HAB_Hotel1

Guarda la disponibilità

Nei dintorni di Bogotà

Paramo de Sumapaz: un ecosistema unico al mondo

Tra le escursioni che potete fare in giornata da Bogotà ce n’è una che a mio avviso è imperdibile durante un viaggio in Colombia. Si tratta di salire al Paramo di Sumapaz, quasi 4000 metri di altezza, per ammirare un ecosistema unico al mondo. Se siete interessati a vivere questa esperienza vi rimando al mio articolo dal titolo Trekking al Paramo de Sumapaz: la meraviglia sulle Ande Colombiane.


COLOMBIA: ITINERARIO DI VIAGGIO

2. Eje cafetero

Esplorando l’Eje Cafetero tra piatagioni, paesini, palme di cera e un eco lodge nella foresta

Si tratta di una delle zone più visitate della Colombia. Sicuramente per via delle sue bellezze, le dolci colline, le piantagioni di caffè, la Valle de Cocora e una serie di graziose cittadine da visitare. E’ una zona che potete girare in autonomia noleggiando un’auto perché sicura e con strade piuttosto buone.

Come arrivare nell’Eje Cafetero

Per arrivare nell’Eje Cafetero da Medellin via terra potete prendere un autobus che vi porterà direttamente alle città principali dell’area come Pereira o Armenia. Il viaggio dura circa 4 ore, ma le strade di montagna offrono una vista spettacolare. In alternativa, potete anche noleggiare un’auto o prenotare un tour guidato.

Da altre zone del paese o da Bogotà, l’opzione più comune è prendere un volo diretto verso l’aeroporto di Pereira o Armenia, che dura appena un’ora.

Cosa vedere, fare e mangiare nella zona dell’Eje Cafetero

Una delle attrazioni imperdibili durante il vostro passaggio qui è sicuramente la visita alla Valle del Cocora con lo splendido trekking per il quale rimando all’articolo Valle del Cocora: trekking alla scoperta delle palme da cera più alte del mondo.

La palma di cera della Valle del Cocora è una delle specie endemiche più famose della Colombia. Questa palma alta fino a 60 metri è la pianta nazionale del paese e si trova in particolare proprio in questa valle montuosa nella regione del Quindio.

La palma di cera può essere vista in tutto il paese, ma la Valle del Cocora è uno dei luoghi migliori per ammirarla in tutto il suo splendore perché ospita una delle più grandi foreste di palme di cera del mondo.

Si tratta però di una zona molto turistica pertanto se voleste optare per un'esperienza meno inflazionata date un'occhiata a La Carbonera (o Tochecito), una valle di ineguagliabile bellezza per ammirare la palma di cera, a circa un'ora da Salento.

Tra i villaggi da visitare segnatevi consiglio sicuramente Salento e la vicina Filandia. La regione è piuttosto estesa più a nord merita sicuramente Jardin, tappa che potete inserire durante in tragitto da Medellin se vi spostate via terra.

Salento Eje Cafetero Colombia

Salento è noto per la sua architettura coloniale, i suoi paesaggi montani mozzafiato e la sua produzione di caffè di alta qualità. Percorrete la Calle Real e le strade principali del centro storico ricche di colorate case coloniali, ristorantini e negozi. Per acquisti di artigianato locale, tra i tanti, consiglio Galeria Andina Salento, un piccolo shop dove troverete prodotti tradizionali del territorio, come le celebri mochilas – borse di cotone con tracolla spessa – e i braccialetti di filo realizzati secondo le tecnica del telar egipcio, o telaio egiziano che consiste nell’intreccio di 60, 80 o 120 fili, a seconda della larghezza del braccialetto, tramite piccole card, realizzate spesso con materiali di fortuna.

Qui abbiamo anche assaggiato la celebre cioccolata con queso (formaggio) e, se volete provare questa esperienza, vi consiglio la Casa Café Galería in Calle 4. Non vi svelo come mangiarlo ma chiedete ai proprietari, è un modo alquanto bizzarro e inusuale per noi italiani! Reggiungete ancora il Mirador de Salento, una collina con vista panoramica sulla città e sulle montagne circostanti, ideale per ammirare l’alba o il tramonto.

Eje Cafetero Colombia Salento

Filandia è leggermente meno turistica di Salento e l’atmosfera nella sua piazza principale vi conquisterà. Ad uno degli angoli della piazza si trova il Centro De Interpretacion “Del Bejuco Al Canasto” ovvero un piccolo museo sulla tradizione del canasto, il cesto usato tradizionalmente per la raccolta del caffè. Nel biglietto di ingresso è inclusa una breve visita guidata e ovviamente una tazza di caffè!

L’esperienza da non perdere è proprio la visita ad una finca di caffè, tipiche di questa zona, in cui avrete l’opportunità di scoprire molto di questa attività tradizionale. Tutte offrono una visita guidata nelle piantagioni e attraverso tutti i processi di produzione del caffè come lo conosciamo e pronto al consumo.

Noi abbiamo fatto questa visita da Las Acacias Coffee Farm a Salento della durata di un’ora circa inclusa una tazza di caffè ma vi consiglio anche Caficultur a Buenavista.

Per uscire leggermente fuori dai percorsi battuti fate un salto anche a Salamina, Jericò, Aguadas e Pijao.

Dormire in un eco lodge nella foresta

Mi ero innamorata del Bio Habitat Hotel @biohabitat.hotel qualche anno fa proprio per queste cabine di legno e vetro perfettamente integrate nella natura. La cucina è deliziosa e la piscina a sfioro un sogno che si affaccia sulla valle… ma come sempre non l’abbiamo provata.

L’alternativa: non avessi soggiornato qui, la mia scelta sarebbe sicuramente ricaduta su una finca tipica come La Cabaña Ecohotel (Salento) o Altobonito (Salamina) @altobonitosalamina , strutture legate al territorio in cui respirare le tradizioni e la cultura del posto.
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
Mi piace pensare che ci siano tanti viaggi possibili di un viaggio, a seconda di come decidiamo di viverlo in quel momento.


COLOMBIA: ITINERARIO DI VIAGGIO

3. Desierto de la Tatacoa

Dormire in una cabaña nel Desierto de la Tatacoa

Collocato nel dipartimento colombiano di Huila, circa 38 km dalla città di Neiva, di chiama deserto ma è in realtà una “foresta tropicale secca”, situata in mezzo alle Ande colombiane; è proprio la sua posizione, circondato dalle alte montagne andine, che non premette di far arrivare sufficienti precipitazioni nell’area.

Desierto de la Tatacoa

Cosa vedere, fare e mangiare nel Desierto de la Tatacoa

Per il trekking troverete tre deserti: rosso, grigio e la Valle de los Xilópalos. Inoltre è un’ottimo punto per osservare le stelle: prenotate la vostra lezione di astronomia presso l’Osservatorio Astronomico.

Il vicino villaggio di Villavieja inoltre è davvero molto grazioso con la piazza principale, la chiesa e il Museo Paleontológico.

Fate una sosta per pranzo presso il Restaurante Los Gatos, molto local ma pulito e delizioso.

L’esperienza: una cabaña nella natura

Per questa tappa cercavo semplicemente la possibilità di vivere l’essenza. Di essere un tutt’uno con la natura. E per questo ho scelto il Bio Hotel Qji Glamping, uno spazio composto da eco lodge, disseminati nella parte più a est nel deserto. Il nostro sky bed aveva il letto al piano di sopra, raggiungibile con la scala a pioli. Al piano terra invece era presente il bagno con wc a secco, lavandino e doccia. All’esterno uno spazio per distendersi a guardare le stelle. Ha completato il soggiorno la colazione, servita nel giardino dell’area comune. Tutto funziona a pannelli solari e nel rispetto del contesto circostante e si tratta di una sistemazione splendida per staccare e godersi a pieno la natura. Per raggiungerlo è necessaria un’auto (anche se ho visto molti taxi portare gli ospiti direttamente dall’aeroporto).

Desierto de la Tatacoa Colombia
Bio Hotel Qji Glamping

Potrebbe interessarti anche: Come muoversi in Colombia: tutti i mezzi per scoprire il paese.

Questa è stata una delle esperienze più belle del nostro itinerario in Colombia. Il deserto ha davvero un’energia unica. Non fatevi dissuadere dal fatto che raggiungerlo possa essere un po’ più complicato. E’ una tappa imperdibile in questo viaggio!


COLOMBIA: ITINERARIO DI VIAGGIO

4. Medellin

Medellin a mio avviso non dovrebbe mancare durante un itinerario di viaggio in Colombia, famosa per la sua affascinante combinazione di paesaggi moderni e tradizionali, unita a una storia ricca e spesso tumultuosa. La città si è trasformata in un’entusiasmante destinazione turistica grazie ai suoi imponenti grattacieli, ai vivaci quartieri culturali e alla temperata “primavera eterna”.

Medellin_Colombia

Come arrivare a Medellin

L’Aeroporto Internazionale José María Córdova, situato a circa 30 minuti da Medellín, è ben collegato con molte città delle Americhe e d’Europa. Una volta atterrato, puoi raggiungere il centro della città tramite taxi, autobus o un servizio di ride-sharing. Medellín vanta anche un efficiente sistema di metropolitana, che rende facile spostarsi in città.

Cosa vedere, fare e mangiare a Medellin

Memory House Museum

Il Memory House Museum (Museo Casa de la Memoria) di Medellín rappresenta un’importante tappa per coloro che vogliono comprendere la complessa e turbolenta storia della città. Fondato per raccontare e preservare la memoria delle vittime del conflitto armato in Colombia, il museo offre una profonda riflessione sul passato violento della nazione attraverso mostre emozionanti e interattive. Le sue esibizioni mescolano testimonianze personali, arte, fotografia e documentazione multimediale per dare voce a coloro che sono stati colpiti dalla violenza e per promuovere un messaggio di pace, riconciliazione e guarigione. Visitare il Memory House Museum non è solo un’esperienza educativa, ma anche un’opportunità per comprendere l’importanza del ricordo nella costruzione di un futuro più pacifico per Medellín e per tutta la Colombia.

Jardín Botánico

Nel cuore pulsante di Medellín, il Jardín Botánico rappresenta una boccata d’aria fresca e una pausa dalla frenesia urbana. Esteso su 14 ettari, questo giardino ospita una straordinaria varietà di flora colombiana, offrendo agli visitatori un viaggio attraverso le diverse ecosistemi del paese. Dalle orchidee esotiche alle enormi piante d’acqua Victoria regia, la diversità botanica è sorprendente. Ma il Jardín non è solo un luogo di bellezza naturale; è anche uno spazio di cultura e apprendimento. Con il suo Orquideorama, una struttura architettonica a forma di esagono utilizzata per mostre e eventi, il giardino diventa un crocevia dove natura, scienza e comunità si incontrano. Visitare il Jardín Botánico di Medellín è un’esperienza che combina l’educazione ambientale con il puro piacere estetico, rendendolo una destinazione imperdibile per chiunque passi per la città.

Medellin Jardim Botanic

Visitare la Comuna 13

Comuna 13, una volta tristemente nota come una delle aree più pericolose di Medellín a causa dei conflitti tra cartelli della droga e violenza paramilitare, è oggi simbolo di trasformazione e resilienza urbana. L’introduzione di scale mobili all’aperto e di un efficiente sistema di trasporto ha notevolmente migliorato l’accessibilità e la vita quotidiana dei residenti. Questo quartiere, ormai famoso per la sua vibrante arte di strada e i murales che raccontano storie di speranza e cambiamento, è diventato una popolare attrazione turistica. Per raggiungere Comuna 13, puoi prendere la metropolitana di Medellín fino alla stazione San Javier e da lì salire a bordo delle scale mobili che portano direttamente nel cuore del quartiere. Tuttavia, data la complessa storia dell’area, è consigliabile visitare Comuna 13 attraverso un tour guidato. Molti tour sono guidati da residenti locali, che offrono una prospettiva intima e autentica sulla trasformazione e la rinascita della loro comunità.

Dove dormire a Medellin

I quartieri sicuri e consigliati per soggiornare in città sono due ovvero Laureles, dove abbiamo scelto di dormire noi, e El Poblado. Laureles è un quartiere residenziale, molto tranquillo in cui non abbiamo avuto alcun problema a spostarci a piedi e a girare da soli anche la sera. Da evitare invece La Candelaria, il centro storico, che io non ho trovato particolarmente sicuro nemmeno di giorno.

Per questa tappa abbiamo optato per un appartamento in modo da poter fare anche alcune lavatrici (soluzione che cerco sempre di inserire qua e là durante i nostri viaggi). Pertanto mi sento di consigliarvi Wynwood House, una catena di loft e appartamenti moderni e di design in cui ci siamo trovati molto bene. Tra l’altro i prezzi sono davvero competitivi, in molti casi anche sotto i 100$ a notte.

La trasformazione di Medellín, da città del cartello della droga a metropoli vivace e sicura, è una testimonianza della resilienza e dello spirito innovativo dei suoi abitanti. È un luogo dove il passato e il presente si fondono creando un futuro luminoso e accogliente per tutti i visitatori.


COLOMBIA: ITINERARIO DI VIAGGIO

5. Guatapé

Dormire sul lago tra Guatapé e la Piedra del Peñol

Una delle tappe che spesso non manca durante un viaggio in Colombia, è la visita alla cittadina di Guatapé, con l’immancabile salita alla Piedra del Peñol. Sono queste infatti le attrazioni principali di questa zona situata ad appena due ore da Medellin, nella regione di Antioquia, che spesso vengono raggiunte con una escursione in giornata.

La Piedra del Peñol è un masso monolitico di granito e quarzo alto circa 220m la cui sommità si raggiunge con una scalitata di oltre 650 gradini. La vista sul lago da lassù però è impagabile!

Guatapè è un grazioso e colorato villaggio celebre per gli “zocalos”, tipiche decorazioni alla base delle case che raffigurano elementi che identificano la famiglia che vi abita.

Cosa vedere, fare e mangiare a Guatapé

Salite al Peñol al mattino presto, prima che arrivino i bus dei turisti e poi spostatevi con un tuc tuc a Guatapé. Perdetevi tra le sue vie colorate e visitate il piccolo Museo. Per pranzo raggiungete At the farm, una finca immersa tra le colline che prepara cibo vegan delizioso. Prenotate!

L’esperienza: dormire in uno chalet sul lago

Ho deciso di fermarmi in questa zona un paio di notti proprio per godermi la pace e la quiete del lago. È con questa idea che ho scelto la struttura optando per il Boato Hotel, composto da chalet minimal e indipendenti che affacciano direttamente sull’acqua e ben integrati nel contesto. In tutta la zona ci sono tantissime strutture di questo tipo, una più bella dell’altra (nelle storie di oggi ve ne metto alcune).

È proprio così che vi consiglio di vivere il vostro soggiorno qui: completamente immersi nella natura.

Colombia itinerario di viaggio_dove_dormire_a_Guatape

COLOMBIA: ITINERARIO DI VIAGGIO

6. San Andrés

Ci spostiamo nel Mar dei Caraibi per raggiungere una delle isole colombiane più gettonate dal turismo locale. E di massa. Sarò sincera, purtroppo quest’isola ha subito uno sfruttamento del territorio eccessivo, in cui domina il traffico e l’edilizia sconsiderata, soprattutto nel nord.

Centro e sud conservano ancora i tratti del paradiso tropicale, seguite i miei consigli e godetevi quel che resta di questo angolo di paradiso!

San Andrés si differenzia dal resto della Colombia perché fu dominata principalmente dagli inglesi. Si parlano quindi l’inglese e il creoli, un inglese dialettale, derivato dal mix con la lingua degli schiavi africani. Si parla anche lo spagnolo esclusivamente per motivi turistici.

San Andres Colombia itinerario di viaggio

Sull’isola vive ancora una parte di comunità locale, i raizal, mentre il resto degli abitanti sono colombiani trasferiti negli anni. La vita dei suoi abitanti pullula in tutta la zona del centro/sud e dell’entroterra, coi villaggi di La Loma e San Luis.
⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀
Visitiamo la Casa Museo Islena, dove vengono dati alcuni accenni di storia e tradizioni dell’isola. Una visita breve e molto semplice che deve essere calata nel contesto e presa come tale. ⠀⠀⠀⠀⠀

Per un’esperienza a contatto e nel rispetto della natura evitare le escursioni super inflazionate che vi proporrà qualsiasi tour operator e prenotate un’escursione con Ecofiwi. Si tratta di una piccola agenzia a conduzione familiare che organizza tour responsabili tra le mangrovie. Carmen col marito e la figlia creano da zero questa attività ormai dieci anni fa. Innamorati da sempre dell’isola e del mare, propongono un progetto di turismo ecologico che ottiene un finanziamento dal governo. Compra i primi due kayak trasparenti dopo averli visti su internet alle Bahamas perché ha l’intuizione che potrebbero funzionare anche sulla sua isola ed infatti così è stato.

Colombia_itinerario_di_viaggio_San_Andres
Ecowifi

⠀⠀⠀⠀⠀Per una pausa pranzo locale andate da Malite, un ristorantino in cui ci accoglie un ragazzone che ci racconta che hanno appena aperto, il primo dicembre. Infatti ci siamo fermati perché il posto sembrava davvero fatto da qualcuno che ci tiene a presentarsi bene. In cucina c’è la mamma che ci saluta con un sorriso. La zuppa è un’esplosione di sapori ed erbe fresche. Ci parla di “Beautiful San Andrés” un calypso del 1972 che oggi è l’inno ufficiale dell’isola e ce lo fa ascoltare.

Arrivare e muoversi a San Andrés

Per arrivare a San Andrés ci sono i voli che collegano l’isola con le principali città colombiane. Vi consiglio di volare con Latam o Avianca. Per muovervi all’interno dell’isola noleggiano dei golf car da 2/4 posti piccoli e comodi per spostarsi in libertà. Noi abbiamo chiesto direttamente alla struttura in cui abbiamo alloggiato, ce lo siamo fatto portare direttamente lì e lo abbiamo lasciato il giorno prima della partenza, mentre per raggiungere l’aeroporto ci siamo spostati in taxi.

L’esperienza: un boutique hotel con giardino tropicale

Se volete davvero godervi San Andrés fuori dal turismo di massa vi consiglio di spostarvi dal nord e prediligere il centro, che risulterà comunque comodo per girare l’isola.

Abbiamo soggiornato al Miraflores Boutique Hotel, uno splendido hotel immerso in un rigoglioso giardino. Non ci sono spiagge nelle vicinanze, dovrete sempre spostarvi ma noi abbiamo preferito la tranquillità, sapendo del caos che si respira nelle spiagge più gettonate dell’isola.

Il Miraflores Boutique Hotel offre una piscina all’aperto, una sala comune, un giardino, un barbecue e una terrazza in cui vengono serviti colazione e cena.

Lo stile è minimal e ben integrato nella natura. Tutte le camere e suite sono spaziose e hanno verande e terrazzi in cui rilassarsi su comodi dondoli, divani e poltrone. Per noi è stata davvero un’oasi di pace.


COLOMBIA: ITINERARIO DI VIAGGIO

7. Providencia

Providencia è una meravigliosa isola tropicale situata nell’arcipelago di San Andrés, Providencia e Santa Catalina, che fa parte della Colombia ma è situata nell’Oceano Atlantico, più vicina alla Nicaragua. Questa gemma nascosta dei Caraibi è un vero paradiso per i viaggiatori in cerca di una destinazione tranquilla e incontaminata. E’ una di quelle destinazioni non semplicissime da raggiungere (considerate un paio di voli da qualsiasi città Colombiana) ma è una di quelle per le quali io dico che vale il viaggio.

Non ha nulla a che vedere con San Andrés, il tipo di turismo è completamente diverso, l’atmosfera e gli abitanti sono tranquilli, cordiali e rilassati.

Nel 2020 l’isola è stata completamente rasa al suolo dall’uragano Iota, un uragano di forza 5 che non ha lasciato più nulla al suo passaggio. Tutti gli abitanti si sono salvati rifugiandosi nei bagni delle loro abitazioni, le uniche stanze realizzate in cemento armato. A seguito di questo evento, e della pandemia, l’isola, che vive prevalentemente di turismo, ha subito gravi danni ma durante la nostra visita, dicembre 2022 era già stata quasi tutta ricostruita e pronta a ricevere di nuovo i turisti.

Colombia_itinerario_di_viaggio_Providencia

Come arrivare a Providencia

Per raggiungere Providencia, l’unico modo è volare prima a San Andrés, la principale isola dell’arcipelago, da Bogotà o altre città principali della Colombia. Da lì, ci sono alcuni voli diretti per Providencia che durano circa un’ora esclusivamente con Satena, una compagnia locale. Ci tengo a precisare che si tratta di un unico velivolo, dalle condizioni precarie, che vola avanti e indietro due o tre volte al giorno. Chi ha seguito il nostro viaggio su Instagram si ricorderà del nostro volo di rientro cancellato perché l’aereo non partiva più. Insomma, mettete in conto che se dovesse succedere qualcosa a quell’aereo, la cosa migliore che vi possa capitare è che non ci siate seduti sopra e preparatevi a riprogrammare tutti i vostri spostamenti successivi.

Un paio di volte a settimana c’è anche un traghetto da San Andrés, che può essere un’esperienza pittoresca ma più lunga, prenotare online non è affatto facile e nel caso dovete farlo con molto anticipo (all’epoca della stesura di questo articolo avviene tramite un form di Google).

Providencia, spiagge da non perdere itinerario in Colombia
Playa Manzanillo

Le spiagge più belle di Providencia

Playa Manzanillo è una delle spiagge più iconiche di Providencia, situata sulla costa occidentale dell’isola. Questa incantevole spiaggia è famosa per la sua sabbia bianca come la neve e le acque turchesi che sembrano dipinte da un quadro. Le palme da cocco si inclinano dolcemente verso il mare, creando l’atmosfera perfetta per rilassarsi all’ombra o prendere il sole. La tranquillità e la bellezza naturale di Playa Manzanillo la rendono ideale per nuotare, fare snorkeling o semplicemente godersi un pic-nic sulla sabbia.

Almond Beach è un altro gioiello nascosto di Providencia, situato sulla costa nord-orientale dell’isola. Questa spiaggia prende il nome dagli alberi di mandorlo che si trovano lungo la costa, fornendo un’ombra naturale piacevole. Le acque cristalline di Almond Beach sono perfette per lo snorkeling, con un’abbondanza di vita marina e coralli colorati. È un luogo ideale per una giornata di relax, dove si può immergersi nelle acque calde o fare una passeggiata lungo la riva deserta.

Southwest Bay è situata sulla costa occidentale di Providencia, ed è famosa per la sua vastità e la sua straordinaria bellezza. Qui, la sabbia dorata si estende per chilometri, creando uno spazio perfetto per lunghe passeggiate sulla spiaggia al tramonto. Le acque poco profonde e tranquille rendono Southwest Bay ideale per nuotare e praticare sport acquatici come il kayak. La vista panoramica sulla baia è semplicemente mozzafiato, e i visitatori spesso si fermano qui per ammirare uno dei tramonti più spettacolari dei Caraibi.

I villaggi principali di Providencia

Santa Isabel e Agua Dulce sono due delle principali cittadine sull’isola di Providencia, e il “mitico market Morgan” è un luogo noto per essere un centro di attività commerciali e di servizi per i visitatori.

Santa Isabel è la capitale dell’isola di Providencia ed è il suo centro amministrativo. Questa cittadina pittoresca offre una vera esperienza caraibica con le sue strade strette e colorate, i ristoranti che servono piatti locali deliziosi e le boutique artigianali. Qui troverete anche la maggior parte degli alloggi, dalle pensioni agli hotel, che offrono una gamma di opzioni di soggiorno per i visitatori. Santa Isabel è anche il punto di partenza per esplorare altre parti dell’isola e per organizzare escursioni. La piccola isoletta di Santa Catalina si raggiunge a piedi attraversando il Ponte degli Innamorati, per stare in tema.

Agua Dulce è un’altra località sulla costa occidentale di Providencia ed è famosa per la sua spiaggia omonima, che offre una vista mozzafiato sul mare e sulle famose Cays di Providencia. È un’area più tranquilla rispetto a Santa Isabel, perfetta per chi cerca una fuga rilassante. Qui troverete anche una serie di servizi turistici, tra cui noleggio scooter e varie attività acquatiche. Qui troverete anche il “Market Morgan”, una sorta di piccolo supermercato e centro di servizi situato sull’isola di Providencia, noto per la sua versatilità. È un luogo dove i visitatori possono soddisfare diverse esigenze pratiche durante il loro soggiorno. Potrete cambiare valuta, noleggiare uno scooter per esplorare l’isola in modo indipendente, fare la spesa per prodotti alimentari locali o prenotare escursioni. Sull’isola c’è una sola strada che gira ad anello.

Providencia_Mincy_Place
Mincy’s Place Bakery a Santa Isabel

Dove mangiare a Providencia

Henny Place Typical Eating è un ristorante locale che offre ai visitatori un assaggio autentico della cucina caraibica e delle specialità tipiche dell’isola. Qui potrete gustare piatti tradizionali a base di pesce fresco, frutti di mare e ingredienti locali. Il menu potrebbe includere piatti come il “rundown” (un curry di pesce e cocco), il “patacón” (banane schiacciate fritte) e il “rice and beans” (riso e fagioli con cocco). Questo ristorante è un ottimo posto per immergersi nella cultura culinaria di Providencia e assaporare i sapori autentici dell’isola.

Cafe Studio: Se siete in cerca di un’esperienza più informale e una pausa dal cibo tipico dell’isola, Cafe Studio è una scelta eccellente. Questo accogliente caffè offre caffè di alta qualità, bevande calde e fredde, e una selezione di pasticcini e dessert. È un posto perfetto per rilassarsi, leggere un libro o godersi una chiacchierata con gli amici. Inoltre, Cafe Studio potrebbe offrire anche spuntini leggeri come panini, insalate e altre opzioni per una pausa pranzo veloce.

Mincy’s Place Bakery: Mincy’s Place Bakery è un’ottima scelta per chi ama i dolci e i prodotti da forno freschi. Questa panetteria offre una varietà di pane fresco, torte, biscotti, muffin e altri dolci deliziosi. È anche un luogo ideale per prendere una colazione veloce o una pausa pomeridiana con un caffè e un dolce. Gli ospiti possono gustare prodotti da forno appena sfornati e sperimentare il gusto della tradizione culinaria caraibica.

Colombia_itinerario_di_viaggio_San_Andres
Cafe Studio

Dove dormire a Providencia

Su tutta l’isola non ci sono resort e l’acqua della doccia è solo fredda (almeno per quando è stata la nostra esperienza nelle due strutture visitate).

Cabañas Agua Dulce: capanne molto carine con i tetti a punta, situate in uno splendido e rigoglioso giardino. All’interno sono basiche e non valgono il prezzo che costano ma la posizione è ottima. da qui infatti potrete facilmente spostarvi a piedi ad Agua Dulce in cui troverete i locali e servizi che vi ho descritto in precedenza.

Colombia_itinerario_di_viaggio_Providencia

Posada Old Town Bay: amache direttamente sulla laguna e la proprietaria adorabile. Le camere sono semplici ma pulite e fornite di aria condizionata. La posizione richiede un mezzo proprio per spostarsi.

Colombia_itinerario_di_viaggio_Providencia

 

0 Shares
Disclaimer: Questo articolo potrebbe includere link affiliati, attraverso i quali guadagno una commissione se decidi di fare un acquisto. Questo non influisce sul prezzo che paghi e mi aiuta a mantenere il sito attivo.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *